Corbaccio - Una piazza del mercato ai tempi della guerra

Redazione CorbaccioRedazione Corbaccio

Una piazza del mercato ai tempi della guerra

 Una piazza del mercato ai tempi della guerra
Barbara Mutch, autrice di La bambina dagli occhi di cielo continua a raccontarci come è nato il suo romanzo, la storia vera e i retroscena a cui si è ispirata.

Ada, la protagonista della , è vissuta ben prima che io nascessi. La sfida dunque era quella di ricostruire il mondo anni '40 di Cradock, in Sud Africa, come lo vedeva lei. E così mi sono trovata ad osservare il moderno mercato cercando di sottrarre 70 anni di storia. Inizialmente mi sembrava che non ci fosse alcuna connessione tra la foto d'epoca che avevo in mano, e lo spazio congestionato di fronte a me. Solo quando ho cominciato ad osservare partendo dal perimetro esterno, qualcosa è cambiato. Sulla mia sinistra si trova il restaurato Victoria Manor Hotel, incantevole ma nascosto dal traffico. Sulla destra si erge la Chiesa Riformata olandese a sovrastare la scena come negli ultimi 150 anni. La parte centrale della piazza però necessitava una drastica chirurgia. Dovevo far scomparire il supermercato con il suo parcheggio. I resti del giardino andavano resuscitati, sebbene fosse sopravvissuto un cipresso originale. Superando il supermercato ho notato il monumento ai caduti, un tempo centrale e ora nascosto dalla vegetazione.

E così sono tornata nel mio punto di osservazione e ho alzato MUTCH_Bambina occhi di cielo.jpg
la foto più grande in modo tale che l'immagine seppiata dell'Hotel Manor fosse allineata alla sua controparte moderna sul lato sinistro e la chiesta sul lato destro. Da quella parte, doveva essere il negozio di scarpe Cuthberts, dove lavorava mio nonno. All'improvviso la piazza mi si è aperta davanti, con il rumore degli zoccoli dei cavalli e il suono delle carrozze . Nel centro marciavano soldati per la parata, sollevando la polvere con il loro stivali. E forse, una ragazzina di nome Ada attraversava correndo la piazza...


Leggi tutti gli articoli di Barbara Mutch
in cui racconta i retroscena del suo romanzo,
La bambina dagli occhi di cielo.

Scrivi un commento