Corbaccio - Una grande saga familiare, sullo sfondo della Grande Guerra

Redazione CorbaccioRedazione Corbaccio

Una grande saga familiare, sullo sfondo della Grande Guerra

Una grande saga familiare, sullo sfondo della Grande Guerra
Dopo I ponti di Bergen, sta per arrivare in libreria il nuovo romanzo di Jan Guillou, La moglie straniera, disponibile dal 30 maggio.
L'autrice, con la sua capacità di disegnare ambienti e ricreare l'atmosfera dei tempi, racconta una grande saga familiare, un quadro coinvolgente e vivace dei fratelli Eriksen, delle loro ambizioni e del loro lavoro...

La guerra incombe sull'Europa
e sul mondo intero
Ma l'amicizia non conosce pregiudizi
E l'amore attraversa i confini...


"È questa orribile guerra che rende gli uomini cattivi e stupidi. Ma presto la guerra sarà finita e tutto tornerà come prima' disse Ingeborg al figlio Harald. Eppure lui aveva i suoi dubbi in proposito e, in tutta onestà, anche lei. Davvero tutto sarebbe stato 'come prima' dopo così tanti morti e così tanto odio?"

9788863805253_la_moglie_straniera.jpg La vita dei tre fratelli Eriksen norvegesi, funestata durante l'infanzia dalla perdita del padre, ha avuto una svolta positiva grazie al sostegno di un istituto di beneficenza che ha provveduto alla loro istruzione. La laurea in ingegneria che Lauritz, Oscar e Sverre hanno conseguito in Germania ha svelato pienamente il loro innato ingegno nonché la passione e l'impegno di Lauritz nella costruzione della ferrovia Bergen-Oslo. Gli ingegneri sono i pionieri del Novecento, il grande secolo delle innovazioni della tecnica, della scienza e della cultura: anche le donne ne sono partecipi come dimostra la bella Ingeborg, intelligente, energica e disinibita, che Lauritz può finalmente sposare perché ha raggiunto quel benessere economico che gli consentirà di superare le barriere imposte dal padre di Ingeborg, il barone von Freital. Grazie a Oscar, Lauritz diventa infatti uno dei principali soci dello studio ingegneristico Lauritzen & Haugen. In Africa Oscar ha costruito linee ferroviarie paragonabili a quelle tedesche e, inaspettatamente, ha fatto anche fortuna. Mosso dall'idea di fuggire da una delusione d'amore, si è svelato in tutta la sua competenza tecnica ed è diventato uno degli uomini più ricchi di Dar es-Salaam. Ma la Belle Époque è finita: Germania e Inghilterra entrano in guerra e il mondo intero sta per impazzire proprio quando Oscar decide di andare via dall'Africa. Dopo tanti anni trascorsi nel Continente Nero, si trova coinvolto suo malgrado in un conflitto atroce e per lui incomprensibile che sconvolgerà la vita, gli affetti e i sogni di chi come lui ha cercato fortuna lontano e di chi, invece, è rimasto a casa...

Scrivi un commento