Casa Editrice Corbaccio
Via Giuseppe Parini 14
20121 Milano
P. IVA 10283970159
Corbaccio 2000 - 2022 All rights reserved

La spiaggia della speranza

di Rosie Whitehouse

La spiaggia della speranza
Genere
Saggi
Collana
Le storie Corbaccio
EAN
9788867009992
Pagine
348
Formato
ebook
La spiaggia della speranza
Da Vado Ligure a Haifa: la storia dei sopravvissuti alla Shoah che emigrarono in Palestina con l’aiuto di tanti italiani

«Un saggio che ricostruisce il viaggio della libertà.» la Repubblica

Liguria, 1946: durante una notte estiva, più di mille ebrei attendono in silenzio di potersi imbarcare su una nave dalla spiaggia di Vado. Sono sopravvissuti ai campi di sterminio e alle marce della morte, per mesi sono rimasti nascosti in attesa di raggiungere la Palestina forzando il blocco navale imposto dalla Gran Bretagna. Nell’Italia caotica del primo dopoguerra, una parte di loro ha trovato accoglienza in centri sparsi in tutta la Penisola: da via dell’Unione a Milano a Sciesopoli sulle Prealpi bergamasche, da Villa Bencistà a Fiesole a Tradate, a Modena… in una rete di sostegno in cui operano, ai margini della legalità, militari della Brigata ebraica, partigiani, agenti dell’Alyah Bet, figure straordinarie come Yehuda Arazi, Raffaele Cantoni, Ada Sereni.
Dall’Europa dell’Est alla spiaggia di Haifa passando per l’Italia, Rosie Whitehouse segue le tracce di questi passeggeri clandestini e ne racconta le storie, ne ricostruisce i nomi e le vicende individuali, talora per la prima volta. Chi erano le persone in attesa sulla spiaggia di Vado? Da dove provenivano, come sono riuscite a sopravvivere? E perché, dopo essere stati liberati, così tanti ebrei non si sono sentiti né a casa né al sicuro in Europa? Oggi siamo capaci di ricordare anche questo aspetto della Shoah?
Il suo è un viaggio nel tempo in un’Europa ebraica annientata e, insieme, nello spazio, nell’Italia, Germania, Polonia, Lituania, Israele di oggi, dove Rosie Whitehouse è andata a visitare campi di concentramento, campi profughi, musei e memoriali, e a intervistare i sopravvissuti e i loro figli e nipoti. Perché grazie alla conoscenza diretta è possibile ridurre quell’incolmabile distanza che esiste tra noi e chi ha vissuto l’orrore indicibile della Shoah e comprendere in modo adeguato il contesto in cui è nato lo Stato di Israele e l’ideologia di quanti, brutalmente privati delle loro radici e con un futuro incerto e oscuro davanti a loro, furono determinati a crearsi una nuova patria.
Un libro importante che scava in profondità alla ricerca di risposte, sempre urgenti nella coscienza europea.