Casa Editrice Corbaccio
Via Giuseppe Parini 14
20121 Milano
P. IVA 10283970159
Corbaccio 2000 - 2019 All rights reserved
Collana
I LIBRI DEL BENESSERE
EAN
9788863806236
Pagine
144
Formato
Brossura
Morti di fama

«Loredana Lipperini, giornalista e autrice con Giovanni Arduino del saggio Morti di fama. Iperconnessi e sradicati tra le maglie del web mette in guardia su rischi e fregature della febbre da micronotorietà. Con una ricetta per guarire» VANITY FAIR

«I più giovani passano almeno tre ore al giorno tra Facebook, Twitter e altri, peggiorando il proprio rendimento scolastico… E nemmeno gli adulti sono salvi: troppi social incidono negativamente sulle performance lavorative. Per non parlare di chi corre dietro a ogni like, nell’ossessione di essere il più social possibile. Sono i cosiddetti Morti di fama. Iperconnessi e sradicati tra le maglie del web a cui Giovanni Arduino e Loredana Lipperini hanno dedicato un libro» CADOINPIEDI.IT

«Giovanni Arduino e Loredana Lipperini denunciano con chiarezza quasi scientifica il fenomeno che attanaglia il popolo degli internauti, i Morti di fama» IL TEMPO

Ho tanti "mi piace" quindi esisto
Cosa siamo disposti a fare per 15 secondi di fama?
Un viaggio nel lato oscuro del nostro rapporto con Internet


Benvenuti nella Nuova Rete, il tendone da circo sotto il quale folle oceaniche si creano un’identità e fanno di loro stesse un prodotto da promuovere, un marchio. Benvenuti dove miliardi di utenti documentano, condividono, amplificano e pubblicizzano ogni istante della loro vita e delle loro attività. Dove si alleano con altri marchi simili e alimentano la loro micronotorietà attraverso blog, Facebook, Twitter e decine di piattaforme e applicazioni, sfruttando l’approvazione d’impulso tipica dei social network. E dove rischiano di trasformarsi in ridicoli fenomeni da baraccone, condannati a venire presto dimenticati. Gli autori, attenti frequentatori e osservatori del web, attingendo da una massa imponente di dati e interviste, raccontano quanto sia mutato il significato della fama. E sottolineano con stile arguto e provocatorio come siano stati stravolti il concetto di identità e il nostro modo di confrontarci con gli altri: da penso dunque sono a ho tanti «mi piace» quindi esisto.